Esposizione presso Museo Orfeo Home Gallery
a Bologna dal 15 al 28 Febbraio 2015
Indicazioni per trovare Museo Orfeo: www.facebook.com/serenarte.bologna
Link all’evento su Facebook: www.facebook.com/events/763505580405177

- (10)

Leonardo’s room

Firenze, Uffizi

- (5)

San Marino

- (9)

Tirana

 - (12)

Francesco
Uffizi, Firenze

- (13)

Lucca , San Francesco

- (14)

Chat Noir
Riccione

- (16)

Gradara

- (18)

San Marino

- (19)

Pistoia, Villon Puccini

- (20)

San Marino

- (21)

Lucca

Dentro il mio smartphone c’e’ il mondo.
Il mio mondo, non il tuo, non quello descritto dai telegiornali o dai libri.
Il mio mondo, con le mie priorità.
Con la mia estetica; la mia elite di partecipanti.
In questo piccolo parallelepipedo Luminoso ogni cosa si trova al posto giusto.
Il buono è buono veramente.
Il cattivo è cattivo. Oltre ogni ragionevole dubbio.
Io sono il cittadino e il verbo.
Io sono dio.
Spada vendicatrice e protagonista ironico e crudele.
Generoso e spietato.
Quello che devo e avrei dovuto essere.
E l’altro mondo è fuori, non esiste se non come brusio…

- (23)

Lucca

- (25)

Siena

- (28)

Tirana

IMG_20151007_154246

Pistoia

IMG_20150927_163123

Pistoia

IMG-20150826-WA0020

Ravenna

IMG-20150826-WA0021

Matera

IMG-20150826-WA0024

Tropea

 10885126_379555975539115_6049059426979717951_n

Pistoia

10922803_484452661716112_8850342773912407048_n

Pistoia

 11063711_484452688382776_671487042942530707_n

Cecina

11081338_411532882341424_7479182482826750930_n

Ombrone, Pistoia

11150965_479453678882677_5051385385935554019_n

Francesco in verde
Parma

11203523_428110454017000_2922125228315370951_o

Self portrait

 

 

2014

Pistoia

733892268620084071_1179080091

Serravalle  Pistoiese

Inside this my smartphone is the world.
My world, not yours, not the one described in the news or from books.
My world, with my priorities.
With my aesthetic; my elite participants.
In this small rectangular bright everything is in the right place.
Who is good is really good.
The bad is bad. Beyond a reasonable doubt.
I am the citizen and the verb.
I am god.
Avenging sword and protagonist ironic and cruel.
Generous and ruthless.
What I have and I should have been.
And the other world is out, does not exist except as a buzz …

 

#Siena #Piazza #del #Campo #Tuscany #buildings #Square #Italy #Art

Siena

824632437081469370_1179080091

Pistoia

 

 

#sea #Tuscany #Coast #Baratti #Gulf #Boats #bamboo #FineArt #Italy #Fabio #Cappellini #photography #image #Toscana #portfolio #october

Golfo di Baratti

#Selfie #dialoghisulluomo #Pistoia #fotografia #Scianna #ferdinandoscianna
Self portrait con Ferdinando Scianna

 IMG_20150830_210738

Marina di Cecina

IMG_20140427_184023

Tirana

Testo critico su Instagrammatica di Monica Boghi

Tic. Tac. Tic. Tac. Un’ossessione. Una paura. Un pensiero fisso. La consapevolezza di qualcosa che segna inevitabilmente le nostre vite, senza che si possa fermare o rallentare. In un’epoca in cui siamo abituati a controllare in maniera quasi paranoica ogni cosa, da noi stessi, agli altri, al mondo che ci circonda, a volte diamo per scontate la ricchezza e la preziosità di vivere quello che poi ci verrà portato via e che non potrà più essere restituito. Tra i temi più discussi nella storia della filosofia e della letteratura, il tempo è forse quello che attanaglia maggiormente la mente umana sentendo che incombe su di noi come
una presenza perenne che ci perseguita e ci domina.

Viviamo in un contesto dove il tempo non esiste perché siamo costretti a usarlo per risolvere incombenze e obblighi dettati da un ordine prestabilito, con la conseguenza che quello che rimane della nostra vita è la perdita purtroppo quasi inconsapevole della libertà d’essere e d’azione. Ormai la nostra società ha disimparato ad accettare il corso delle cose, a rispettarlo e viverlo nella sua naturale bellezza, in quanto prevale la fissazione di sentirci padroni di noi stessi.

Ma lo siamo davvero o siamo invece sottoposti al volere del potere politico che ci manipola a seconda delle sue convenienze? Il continuo confronto critico con la quotidianità fa scaturire profonde riflessioni sul mondo contemporaneo e Fabio Cappellini sente l’esigenza di analizzare certi aspetti che lo colpiscono e lo sconvolgono, di veicolarli e di comunicarli in maniera incisiva e significativa con diverse modalità espressive, quelle che ritiene più idonee a questo scopo. E’ la curiosità che lo smuove e che lo porta ad immortalare con il semplice scatto della fotografia tutto ciò che fa esplodere in lui la sua
emotività, realizzando un infinito reportage di quello che i suoi occhi vedono e che lo commuovono.

Con la bramosia di un collezionista si aggira inquieto per rubare l’anima delle cose e renderle presenze eterne sulla pellicola fotografica nonostante la loro fugacità, ossia l’essere stati attimi irripetibili.

I suoi lavori nascono da una combinazione tra casualità e attenzione dove a volte, come nel progetto Locations dell’anima, prevale l’istinto e ritrova una sorta di serenità in quei particolari architettonici, naturali o umani, e in quei frammenti di situazioni che costituiscono il suo quotidiano; mentre altre volte, per portare avanti un’idea, si limita a isolarsi ed a osservare dall’esterno, come nel progetto Instagrammatica, in cui emergono molti accostamenti interessanti dove pochi elementi saltano subito all’occhio come se fossero decontestualizzati, permettendoci quindi di interrogarci su alcune questioni: il rapporto tra umanità e natura, l’uomo e la sua presenza nel mondo, la contrapposizione tra ciò che è puramente materiale e quello invece che pur invisibile si percepisce, come il passare del tempo, gli stati d’animo, certe condizioni sociali, la comunicazione o meglio, in questo caso, la mancanza di comunicazione.

La prima fotografia con cui Fabio Cappellini inizia la serie in questione è quella che realizza al Museo degli Uffizi, nella stanza dedicata a Leonardo, in cui ritrae in primo piano un signore nell’ingegnosa operazione di farsi un selfie tra la massa di gente, cercando la posizione migliore non per ammirare i capolavori artistici, ma per apparire meglio nella propria foto ricordo destinata probabilmente ad essere pubblicata sul profilo personale di facebook.

Sembra di essere arrivati a un punto di non ritorno in cui siamo completamente circondati dal valore estetico delle immagini e dalla logica imperante della comunicazione istantanea che ha il potere di ridurre qualsiasi nostro pensiero, azione ed emozione in codici numerici da inserire nell’interspazio
digitale.

Le previsioni catastrofiche sul controllo sociale di massa preannunciate da Orwell si sono avverate in quanto la facilità con cui l’informazione filtrata ci arriva, ci induce sempre di più a dipendere
dalla modalità con cui vogliamo mostrare noi stessi, e il voler osannare le tracce del nostro passaggio
attraverso i social network e i media non è altro che la dimostrazione di come sappiamo vivere solamente
il momento attuale ed essere in fondo presenze effimere sulla terra.

I nostri sforzi sono ormai incanalati nella creazione di avatar personali che prendono il nostro posto nell’infinita rete sociale dove la frase, l’immagine o il link che si condivide diventano gli unici parametri di giudizio per conoscere una persona.

I potenti mezzi di comunicazione non servono ad altro se non a diffondere il finto mondo da loro stessi
creato, in cui è più facile nascondersi perché non si ha più l’esigenza di entrare in contatto con il vero sé.

Prevale quindi la terribile logica dell’apparire per la quale si assumono certe sembianze unicamente per
farsi accettare, e questo continuamente essere connessi con gli altri risulta essere alla fine illusorio, come un velo di maya dietro cui si cela una profonda solitudine a cui siamo tristemente costretti a sottostare.

Osservando queste scene ci rendiamo conto che la tendenza ad essere visti, raggiunti e contattati in ogni
singolo momento, in ogni angolo del pianeta ci stia sempre di più trasformando in eterei fantasmi, troppo
deboli e impotenti per trovare un’alternativa al nostro sistema che come un vortice procede inesorabilmente in questa direzione.

Le fotografie di Fabio Cappellini ottenute con la spontaneità e la sincerità con cui guarda il mondo in cui vive hanno la forza di comunicare esattamente queste condizioni umane e sociali.
Semplici gesti, che possono sembrare quasi scontati nella loro banalità, vengono qui amplificati nel silenzio assordante in cui sono stati colti, e gli scorci, dove la presenza dell’uomo si confonde con quella architettonica della città, rivelano come sia quasi immediato riconoscersi in tali istanti di vita altrui che ci troviamo a spiare e che ci permettono di avere una maggior consapevolezza su di noi e sulla massa a cui apparteniamo.

[Monica Boghi]

 

© Fabio Cappellini
I diritti di riproduzione anche parziale di scritti e immagini sono riservati all’autore.

# # # # # # # # #

10 febbraio 2015

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.